Che cos'è la dermatite atopica?

La dermatite atopica non è solo una malattia della pelle. E' la manifestazione cutanea di una malattia sistemica, cioè che riguarda un
ampio numero di organi o tessuti dell'organismo.1

Capire cosa accade internamente può aiutare a gestire meglio i sintomi della dermatite atopica per impedire che si aggravino.1

Numerosi studi suggeriscono che la dermatite atopica sia una malattia complessa caratterizzata da meccanismi immunologici.1

Il prurito è uno dei principali sintomi della dermatite atopica ed è anche uno dei principali elementi per diagnosticare la malattia. Poichè nella dermatite atopica il prurito è spesso cronico e refrattario, si instaura un circolo vizioso chiamato "itch-scratch" (prude-mi gratto) che può peggiorare la situazione e far perdurare i sintomi della malattia.2

La pelle ha 3 strati. 1,3

Quando la pelle è sana, il resistente strato esterno - chiamato epidermide - protegge l'organismo dall'aggressione di sostanze estranee quali batteri, virus e allergeni. 1

Con la dermatite atopica, lo strato esterno della pelle è più debole e più suscettibile all'infiammazione, causata da un'iper-reattività del sistema immunitario. 1,3

Grattarsi contribuisce a danneggiare ulteriormente lo strato superficiale della pelle rendendo più facile l'ingresso di sostanze estranee. 1,3

Una volta che queste sostanze estranee hanno superato la barriera cutanea, le cellule immunitarie si attivano e migrano verso la zona interessata, provocando reazioni quali: ispessimento della cute (iperplasia epiteliale), arrossamenti ed eruzioni cutanee. 1,3

In una situazione normale queste si "spengono" dopo un breve periodo di tempo ma, quando si soffre di dermatite atopica, le cellule infiammatorie non cessano la loro attività. Al contrario, continuano nel processo infiammatorio e la pelle continua a reagire anche quando appare priva di lesioni. 1

CIRCOLO "ITCH-SCRATCH"

Le alterazioni della barriera epidermica (che causano secchezza cutanea) e la eccessiva reattività infiammatoria e immunitaria della cute scatenano una risposta infiammatoria che porta allo sviluppo di eruzioni cutanee. Le eruzioni, a loro volta, scatenano un circolo vizioso "itch-scratch" (prude-mi gratto) che peggiora l'infiammazione cutanea. 1

1. PRURITO

Irritanti ed allergeni entrano a contatto con la pelle e scatenano una reazione infiammatoria che provoca
prurito. 1

2. NECESSITA' DI GRATTARSI

La necessità di grattarsi provoca lesioni cutanee che permettono l'ingresso di ulteriori irritanti ed
allergeni. 1

3. RILASCIO DI MEDIATORI DELL'INFIAMMAZIONE 

Più la pelle si danneggia, più penetrano agenti irritanti che aumentano l'infiammazione e il conseguente prurito. 1

4. DANNEGGIAMENTO DELLA PELLE

Il continuo danneggiamento della barriera cutanea porta all'attivazione costante del sistema immunitario con conseguente iper-reattività cutanea, tipica della dermatite atopica. 1

Fonti:
1. Leung DY et al. J Clin Invest. 2004;113(5):651-7
2. Chrostowska-Plak D et al. Acta Derm Venereol. 2009;89(4):379-83
3. Guttman-Yassky E et al. Expert Opin Biol Ther. 2013;13(4):549-61